Archivi per la categoria ‘rigatoni’

Le fettuccine all’Alfredo compiono 110 anni (e fanno la festa!)

Le fettuccine all’Alfredo o, meglio, le mitiche “bionde” al doppio burro (come le chiamava il suo inventore) compiono 110 anni: in occasione dello speciale anniversario, il ristorante “Il vero Alfredo” , in Piazza Augusto Imperatore 30 a Roma, organizza dall’8 al 14 febbraio un festival dedicato a questo piatto. La storia delle fettuccine all’Alfredo Impastate nel semolino e condite con burro e parmigiano freschissimi, le fettuccine all’Alfredo nacquero nel 1908 nella piccola trattoria di Alfredo Di Lelio , allora in Piazza Rosa a Roma, che le cucinò la prima volta per offrire un piatto sano e nutriente alla moglie Ines, debilitata dal parto del loro primo figlio. Il piatto entrò nel menù del ristorante e riscosse subito molto successo tra i romani

Leggi l’originale qui:
Le fettuccine all’Alfredo compiono 110 anni (e fanno la festa!)

Le fettuccine all’Alfredo compiono 110 anni (e fanno la festa!)

Le fettuccine all’Alfredo o, meglio, le mitiche “bionde” al doppio burro (come le chiamava il suo inventore) compiono 110 anni: in occasione dello speciale anniversario, il ristorante “Il vero Alfredo” , in Piazza Augusto Imperatore 30 a Roma, organizza dall’8 al 14 febbraio un festival dedicato a questo piatto. La storia delle fettuccine all’Alfredo Impastate nel semolino e condite con burro e parmigiano freschissimi, le fettuccine all’Alfredo nacquero nel 1908 nella piccola trattoria di Alfredo Di Lelio , allora in Piazza Rosa a Roma, che le cucinò la prima volta per offrire un piatto sano e nutriente alla moglie Ines, debilitata dal parto del loro primo figlio. Il piatto entrò nel menù del ristorante e riscosse subito molto successo tra i romani

Leggi di più dal post originale:
Le fettuccine all’Alfredo compiono 110 anni (e fanno la festa!)

Mangiare al Testaccio: le migliori trattorie di Roma

Testaccio, un antichissimo quartiere, che prende il nome dal Monte Testaccio, ovvero la collinetta artificiale formata dai cocci (detti testi in latino) che in epoca romana si gettavano nel vicino porto di Ripa Grande (Emporium). Una specie di discarica, insomma, che negli anni è diventato un vivissimo quartiere, prima popolare, quindi turistico e di grandissima moda

Vedi di più qui:
Mangiare al Testaccio: le migliori trattorie di Roma

Cacio e pepe: sembra facile, ma non lo è

Uno dei primi piatti più famosi della cucina laziale è la pasta cacio e pepe. Per realizzarla avete bisogno di soli tre ingredienti: la pasta, il formaggio e il pepe .

Continua a leggere qui:
Cacio e pepe: sembra facile, ma non lo è

La gricia senza segreti

Meno conosciuta delle sorelle carbonara e amatriciana, la pasta alla gricia è un primo piatto tipico della cucina laziale, per palati golosi. Detta anche “amatriciana bianca” perchè non condita con il sugo di pomodoro, la gricia è in realtà molto più simile ad una cacio e pepe, ma con meno formaggio e l’aggiunta del guanciale. Come tanti piatti della cucina romana anche la gricia è un piatto semplice a prima vista ma pieno di insidie e che in realtà richiede una buona conoscenza della tradizione, degli ingredienti e delle tecniche base della cucina

Continua a leggere qui:
La gricia senza segreti

Pasta coi cavoletti di Bruxelles: quattro semplici ricette

Preziosi alleati delle ossa (e non solo) i cavoletti di Bruxelles rientrano in quel lunghissimo elenco di cibi decisamente versatili in cucina. Si possono utilizzare infatti in numerose ricette, dai primi ai secondi

Vedi l’articolo qui:
Pasta coi cavoletti di Bruxelles: quattro semplici ricette

Brescia in 24 ore: dove mangiare dalla colazione al dopo cena

Non ci si annoia a Brescia: città non grande, ma completa. Con un bel centro storico e contatti sempre più stretti con Milano, che stanno ‘svegliando’  la Leonessa, caratterizzata da una ristorazione classicissima, quasi vecchia considerando invece la fama e la vivacità dei bar come delle pasticcerie.

Leggi l’originale qui:
Brescia in 24 ore: dove mangiare dalla colazione al dopo cena

10 modi di fare la pasta al forno

La pasta al forno nell’immaginario collettivo è la pasta scolata al dente e condita con mozzarella, besciamella e altro e poi ripassata in forno a gratinare.

eggi di più:
10 modi di fare la pasta al forno

Friselle, come utilizzarle in tre ricette tradizionali

Quando non si ha voglia di cucinare, una frisella con olio, pomodoro e basilico è sempre una buona idea. Vi proponiamo qui la ricetta classica e due varianti altrettanto facili e veloci. Cosa sono le friselle I taralli pugliesi sono famosi in tutto il mondo e la frisella altro non è che un tarallo grande preparato con farina di grano duro e cotto due volte fino a diventare croccante.

Continua qui:
Friselle, come utilizzarle in tre ricette tradizionali

I piatti più ghiotti dei film italiani

Alberto Sordi che si gusta un piatto di maccheroni con un berretto da baseball sulla testa è forse una delle scene più iconiche che il cinema italiano abbia mai proposto al suo pubblico. Il film è Un americano a Roma e Sordi, qui nei panni di Nando Mericoni, non può non concedersi un piatto fumante di pasta in barba ai suoi propositi di “americanizzare” la sua vita.

Leggi di più dal post originale:
I piatti più ghiotti dei film italiani

Link sponsorizzato


Parse error: syntax error, unexpected 'new' (T_NEW) in /home/cucin112/public_html/wp-content/plugins/autoblogged/simplepie.php on line 720

Warning: Use of undefined constant PEAR_LOG_WARNING - assumed 'PEAR_LOG_WARNING' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/cucin112/public_html/wp-content/plugins/autoblogged/autoblogged.php on line 183

Parse error: syntax error, unexpected 'new' (T_NEW) in /home/cucin112/public_html/wp-content/plugins/autoblogged/Log.php on line 168

Fatal error: Exception thrown without a stack frame in Unknown on line 0