Archivi per la categoria ‘cuochi’

Lessi, rosolati, infornati: come ti preparo i cavoletti di Bruxelles

Le vie dei cavoletti di Bruxelles sono infinite. Lessi, rosolati, infornati: vera e propria miniera di salute per le ossa, la vista e la memoria, questi piccoli ortaggi si possono utilizzare in cucina in tantissimi modi. Per chi è alla ricerca di qualche dritta sulle loro diverse cotture, ecco allora alcuni consigli.

Continua qui:
Lessi, rosolati, infornati: come ti preparo i cavoletti di Bruxelles

Per fare la rivoluzione servono celebrity chef (e fast food)

Gli chef fanno politica. E non perché si candidano alle elezioni o si preoccupano degli equilibri di governo

Vedi di più qui:
Per fare la rivoluzione servono celebrity chef (e fast food)

Il 2018 è l’Anno del cibo italiano

Il 2016 è stato l’anno dei cammini, il 2017 l’anno dei borghi. E il 2018? Quello appena iniziato è stato proclamato, dal ministro ai Beni Culturali Dario Franceschini e dal ministro alle Politiche Agricole Maurizio Martina, l’ Anno nazionale del Cibo Italiano .

Vedi il post originale qui:
Il 2018 è l’Anno del cibo italiano

Tarte Tatin: avete mai provato con la pasta sfoglia?

Un dolce ideale per i pomeriggi invernali così come per le merende estive: è la Tarte Tatin , la cosiddetta “torta di mele al contrario”, simbolo della pasticceria francese. Tradizionalmente questo dolce si prepara con mele, zucchero e pasta brisée .

Vedi di più qui:
Tarte Tatin: avete mai provato con la pasta sfoglia?

Gennaio 2018: sarà un anno buonissimo

Gennaio 2018: quando inizia un nuovo anno (e per me il 2018 per ragioni anagrafiche sarà significativo), penso sempre a una piccola lista di buoni propositi. Per questo vorrei aprire un dibattito su come cuciniamo e su come dovrebbe essere il nostro approccio al cibo e alla spesa nel prossimo futuro . La missione di La Cucina Italiana oggi come “giornale di gastronomia per le famiglie e per i buongustai”, come recita la prima edizione del 1929, è cominciare un percorso che porti alla stesura di un vero e proprio manifesto , dove stagionalità farà sempre rima con bontà, i grassi ci saranno in misura adeguata a soddisfare palato e spirito senza appesantire il girovita, scenderanno le quantità di sale a favore della sapidità naturale degli ingredienti, mentre le uova saranno quelle di galline che razzolano libere in un pollaio all’aria aperta e non tenute come in una prigione.

Leggi il resto qui:
Gennaio 2018: sarà un anno buonissimo

Pasta e fagioli: tutte le ricette

C’è chi ama prepararla con il guanciale, chi non rinuncia ad aggiungervi il pomodoro, chi la profuma con l’alloro e chi la insaporisce con il rosmarino . Un buon piatto di pasta e fagioli sa raccontare il gusto e le abitudini di chi la cucina, capace di chiudere in un piatto tradizioni, ricordi ( come quelli dello Chef Cannavacciuolo )  e scelte gastronomiche.

Vai e leggi il resto:
Pasta e fagioli: tutte le ricette

Chi cucinerà per la Regina Elisabetta?

Non era destinata a diventare Regina. Eppure Elisabetta, da quando lo zio Edoardo VIII ha rinunciato al trono, ha fatto la storia dei reali d’Inghilterra .

Vai e leggi il resto:
Chi cucinerà per la Regina Elisabetta?

Gualtiero Marchesi. Dalla tecnica alla trasmissione del sapere. Il racconto di Fiammetta Fadda

“Perché, vedi, come sono entrato nella cucina dei Troisgros, ho visto che c’erano quattro piani di cottura con quattro temperature diverse e costanti, il che voleva dire che non dovevi preoccuparti di alzare e abbassare i fuochi ma che ogni ingrediente aveva il suo calore giusto”. Questo mi raccontava Gualtiero per farmi capire che la cucina è, innanzitutto, tecnica . Oggi sembra banale dirlo, ma allora, anni Ottanta, i piatti della tradizione italiana erano, letteralmente, “orecchiati”, cioè passati a voce da una generazione all’altra

Vedi il resto qui:
Gualtiero Marchesi. Dalla tecnica alla trasmissione del sapere. Il racconto di Fiammetta Fadda

Gualtiero Marchesi: i piatti più copiati (che hanno cambiato la nostra cucina)

Gualtiero Marchesi è stato “Il Maestro”, lo chef per antonomasia, il padre della cucina italiana moderna. Lo è talmente tanto che semplicemente guardando i suoi piatti, si può capire quanto abbia influenzato la cucina che mangiamo oggi, e che abbiamo mangiato ieri, in mille ristoranti italiani. Perché la grandezza di un uomo e di un rivoluzionario, non è aver fatto un’impresa da eroe, solo, ma l’aver trascinato con sé un esercito di allievi – che oggi da Cracco a Oldani gli rendono omaggio.

Vedi l’articolo qui:
Gualtiero Marchesi: i piatti più copiati (che hanno cambiato la nostra cucina)

Torna MasterChef Italia

È  Antonia Klugmann la vera sorpresa del nuovo MasterChef , che poche settimane fa è entrato nei Guinness World Records come “Format TV culinario più di successo al mondo”, essendo stato adattato in 52 paesi . Il programma campione di ascolti torna il 21 dicembre , con la sua settima edizione, alle 21.15 su Sky Uno HD (disponibile anche su Sky On Demand).

Vedi di più qui:
Torna MasterChef Italia

Link sponsorizzato