Archivi per la categoria ‘pera’

Ci ha lasciati Egidio Tarantola Peloni, il “signor Bràulio”

Ormai lo conoscevamo così, con l’appellativo di “ signor Bràulio “. Stiamo parlando di  Egidio Tarantola Peloni , patron dell’ amaro Bràulio , un digestivo alpino da servire freddo o a temperatura ambiente, un’eccellenza nel campo dei superalcolici, molto amato nel nord dell’Italia, in principio, ma poi diffusosi anche oltre i confini nazionali. Storia Egidio Tarantola Peloni se ne è andato all’età di 75 anni.

eggi di più:
Ci ha lasciati Egidio Tarantola Peloni, il “signor Bràulio”

La Sbrisolona, la torta che si spezza con le mani. A Mantova, ma non solo

Ha l’aspetto (disordinato) di un crumble con la superficie ricoperta di mandorle, la torta  Sbrisolona,  specialità della città di Mantova preparata sin dal Cinquecento.

Vedi l’originale qui:
La Sbrisolona, la torta che si spezza con le mani. A Mantova, ma non solo

Gorizia, arriva il tiramisù più grande del mondo

I pasticceri sono al lavoro. Entro domenica dovranno completare la preparazione del tiramisù più grande del mondo , e superare il record che Gemona, in provincia di Udine, ha stabilito d ue anni fa, con un dolce da 3015 chili.

Continua qui:
Gorizia, arriva il tiramisù più grande del mondo

Le fettuccine all’Alfredo compiono 110 anni (e fanno la festa!)

Le fettuccine all’Alfredo o, meglio, le mitiche “bionde” al doppio burro (come le chiamava il suo inventore) compiono 110 anni: in occasione dello speciale anniversario, il ristorante “Il vero Alfredo” , in Piazza Augusto Imperatore 30 a Roma, organizza dall’8 al 14 febbraio un festival dedicato a questo piatto. La storia delle fettuccine all’Alfredo Impastate nel semolino e condite con burro e parmigiano freschissimi, le fettuccine all’Alfredo nacquero nel 1908 nella piccola trattoria di Alfredo Di Lelio , allora in Piazza Rosa a Roma, che le cucinò la prima volta per offrire un piatto sano e nutriente alla moglie Ines, debilitata dal parto del loro primo figlio. Il piatto entrò nel menù del ristorante e riscosse subito molto successo tra i romani

Leggi l’originale qui:
Le fettuccine all’Alfredo compiono 110 anni (e fanno la festa!)

Le fettuccine all’Alfredo compiono 110 anni (e fanno la festa!)

Le fettuccine all’Alfredo o, meglio, le mitiche “bionde” al doppio burro (come le chiamava il suo inventore) compiono 110 anni: in occasione dello speciale anniversario, il ristorante “Il vero Alfredo” , in Piazza Augusto Imperatore 30 a Roma, organizza dall’8 al 14 febbraio un festival dedicato a questo piatto. La storia delle fettuccine all’Alfredo Impastate nel semolino e condite con burro e parmigiano freschissimi, le fettuccine all’Alfredo nacquero nel 1908 nella piccola trattoria di Alfredo Di Lelio , allora in Piazza Rosa a Roma, che le cucinò la prima volta per offrire un piatto sano e nutriente alla moglie Ines, debilitata dal parto del loro primo figlio. Il piatto entrò nel menù del ristorante e riscosse subito molto successo tra i romani

Leggi di più dal post originale:
Le fettuccine all’Alfredo compiono 110 anni (e fanno la festa!)

Un notaio nella cucina di MasterChef: quale diatriba dovrà risolvere?

Chi ha guardato la scorsa puntata (che ha visto l’eliminazione dell’ex pilota Italo), avrà seguito anche le anticipazioni della prossima e saprà già che, negli episodi in onda giovedì 8 febbraio, non mancheranno certo i colpi di scena . La cucina di MasterChef , il talent show culinario trasmesso su Sky Uno a partire dalle 21.15 ,  si scalderà con il caso della pasta scambiata (o rubata?) nel frigorifero . Sarà per questo che Antonia Klugmann, Bruno Barbieri, Joe Bastianich e Antonino Cannavacciuolo avranno bisogno un parere super partes e richiederanno, per la prima volta nella storia del programma, l’intervento di un notaio ?

Vedi l’articolo qui:
Un notaio nella cucina di MasterChef: quale diatriba dovrà risolvere?

Contaminazioni mediorientali: dove si compra e come si prepara il bulgur

È un cibo molto diffuso in Medio Oriente , il suo nome infatti deriva dal turco e significa orzo bollito, ma è sempre più conosciuto e utilizzato anche nella nostra cucina, dove viene comunemente chiamato grano spezzato . Stiamo parlando del bulgur , l’alimento costituito da frumento integrale, che all’apparenza ricorda il più noto cous cous , con cui però non condivide l’area geografica di provenienza. Come nasce il bulgur Il bulgur viene ricavato dai chicchi di frumento che subiscono un particolare processo di lavorazione

Vedi di più qui:
Contaminazioni mediorientali: dove si compra e come si prepara il bulgur

Acqua del rubinetto: le nuove norme per renderla (ancora) più sicura

Se i cittadini europei iniziassero a bere l’acqua del rubinetto al posto di quella in bottiglia, il consumo di plastica potrebbe essere davvero ridotto drasticamente.

Continua a leggere qui:
Acqua del rubinetto: le nuove norme per renderla (ancora) più sicura

I vini di Breganze. Oltre al Torcolato c’è un mondo da scoprire

«Guardi laggiù in fondo. Nelle giornate terse si vede il campanile di piazza San Marco, a Venezia»,   mi dice il proprietario dell’ azienda agricola Ca’ Biasi , mentre passeggiamo tra le vigne. Seguo la direzione del suo dito indice, ma non ho fortuna.

Leggi di più dal post originale:
I vini di Breganze. Oltre al Torcolato c’è un mondo da scoprire

Tutti pazzi per i ravioli cinesi: ecco come farli in casa

Siete fan gli ormai famosissimi dumpling ?

Vedi di più qui:
Tutti pazzi per i ravioli cinesi: ecco come farli in casa

Link sponsorizzato


Parse error: syntax error, unexpected 'new' (T_NEW) in /home/cucin112/public_html/wp-content/plugins/autoblogged/simplepie.php on line 720

Warning: Use of undefined constant PEAR_LOG_WARNING - assumed 'PEAR_LOG_WARNING' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /home/cucin112/public_html/wp-content/plugins/autoblogged/autoblogged.php on line 183

Parse error: syntax error, unexpected 'new' (T_NEW) in /home/cucin112/public_html/wp-content/plugins/autoblogged/Log.php on line 168

Fatal error: Exception thrown without a stack frame in Unknown on line 0